L’estrazione di questa criptovaluta è appena diventata molto più costosa

In caso ve lo foste perso, l’11 Maggio 2020 il Bitcoin ha subito l’Halving, un “dimezzamento”, il terzo nella storia della criptovaluta.

Se non siete sicuri di cosa significhi esattamente halving del Bitcoin, non sentitevi in colpa. Le criptovalute hanno un loro vocabolario unico che non ha molto senso per i non addetti ai lavori. Oggi spiegheremo cos’è l’halving e cosa significa per gli investitori delle cripto.

Il Bitcoin cos’è?

Prima di tutto, parliamo un po’ del background di questa criptovaluta, il Bitcoin funziona su una blockchain, che è un libro mastro aperto, digitale, che registra ogni transazione effettuata nella storia della criptovaluta. Poiché il libro mastro è distribuito su tutti i computer della rete, è estremamente difficile da hackerare. Non esiste un database centrale che possa essere manomesso. Tutte le transazioni sono registrate su ogni computer della rete e aperte a tutti.

Per incentivare le persone a sostenere la blockchain – dedicando le proprie risorse informatiche alla manutenzione del libro mastro – il sistema permette a chi partecipa di “minare”(estrarre) il nuovo Bitcoin. L’algoritmo che governa la criptovaluta ricompensa i Bitcoin appena estratti ai minatori per aver offerto volontariamente i loro computer per l’elaborazione delle transazioni.

L’halving è dove la ricompensa per l’estrazione di queste monete viene tagliata a metà.

Qual è lo scopo dell’halving del Bitcoin?

Il bello del Bitcoin è che è limitato. In un’epoca in cui la Federal Reserve sta continuando a stampare nuova moneta, creando bolle d’aria e alimentando i timori di inflazione, il Bitcoin non può essere stampato a piacimento. La sua fornitura è regolata dal processo di estrazione e il dimezzamento è una parte importante di questo processo.

Tagliando a metà la ricompensa mineraria, l’algoritmo assicura che la fornitura di Bitcoin non cresca troppo velocemente, creando inflazione.

Bitcoin halving

Estrarre Bitcoin non è economico. Far funzionare i computer e tenerli al fresco richiede una quantità enorme di energia. Un rapporto dell’anno scorso ha rilevato che se la catena di blocco Bitcoin fosse un paese, sarebbe il 41° consumatore di energia elettrica al mondo, consumando più energia della Svizzera.

Secondo una stima, il costo medio prima dell’estrazione di un singolo Bitcoin è stato di 6.851 dollari. Dopo l’estrazione, il costo medio previsto è di oltre 12.500 dollari.

Cosa significa questo per i prezzi dei Bitcoin?

Come qualsiasi altra merce, il prezzo del Bitcoin si riduce alla domanda e all’offerta. Quando la domanda supera l’offerta, i prezzi aumentano. Quando l’offerta supera la domanda, i prezzi scendono. È davvero così semplice.

Il Bitcoin funziona solo quando ha una catena di blocco funzionante, e quella catena di blocco è costosa da mantenere. Se costa più di 12.500 dollari per estrarre una moneta, allora il prezzo di una moneta deve essere piuttosto vicino ai 12.500 dollari o idealmente più alto per incentivare i minatori a continuare a dedicare risorse alla blockchain. Con i prezzi Bitcoin attualmente inferiori ai 10.000 dollari, il minatore medio sta in realtà perdendo denaro.

Il costo di estrazione del Bitcoin può essere pensato come il valore intrinseco della moneta. Ma non c’è alcuna garanzia che le monete raggiungano tale importo.

Se il prezzo del Bitcoin restasse a lungo al di sotto del costo di estrazione, i minatori si ritirerebbero. Come per i pozzi di petrolio non redditizi, gli operatori non possono correre in perdita per sempre.

Naturalmente, computer più efficienti per l’estrazione mineraria possono abbassare il costo dell’estrazione, rendendola redditizia a prezzi più bassi. Ma i costi di estrazione più elevati rimangono un rischio per la redditività a lungo termine della Bitcoin e di altre criptovalute.

Rimane anche da vedere quanto bene funzionerà la rete una volta che la crittografia avrà raggiunto il limite massimo di 21 milioni di Bitcoin. I minatori dovranno essere compensati per continuare a mantenere la rete, ma non è chiaro come ciò funzionerà esattamente una volta che arriverà il giorno.

Per fortuna, quel giorno sarà probabilmente tra almeno 100 anni.

Quindi, cosa succede dopo per il Bitcoin? Questo rimane da vedere, naturalmente. Ma in un’epoca in cui gli investitori guardano agli sforzi di stimolo della banca centrale con un occhio sempre più scettico, non sarebbe sorprendente vedere il Bitcoin, l’oro e le altre valute anti valutarie continuare ad aumentare.