È ufficiale. La Federal Reserve sta ora acquistando fondi obbligazionari negoziati in borsa (ETF).

In particolare, come parte dello sforzo di stimolo per contrastare gli effetti del blocco dei coronavirus, il Tesoro ha dato alla Fed 75 miliardi di dollari, che la Fed a sua volta farà leva 10 a 1 per acquistare 750 miliardi di dollari di debito aziendale. Una parte di questa cifra sarà sotto forma di ETF obbligazionari societari e persino di fondi di obbligazioni spazzatura.

Per molti versi, questo non è un grosso problema; è essenzialmente solo la prossima logica progressione delle tradizionali operazioni di mercato aperto della Fed.

Ma in alcuni modi critici, questo è davvero un cambiamento politico importante – un cambiamento che potenzialmente rende ancora più pericolosa una grande debolezza nello spazio dell’ETF obbligazionario.

Perché la Fed acquista ETF?

La Fed ha comprato e venduto miliardi di dollari di debito del Tesoro e delle agenzie nel corso degli anni, eppure non si sono mai dilettati con gli ETF.

Quindi, perché ora?

La risposta è piuttosto semplice. La Fed ha essenzialmente lo stesso problema che hanno gli altri indicizzatori passivi. Stanno cercando di ottenere un’esposizione al mercato obbligazionario aziendale nel suo complesso, ma non necessariamente ad una singola società. La Fed non è un gestore di fondi obbligazionari. Né ha l’interesse o la propensione a ricercare il merito di credito dei singoli emittenti di obbligazioni.

Inoltre, c’è un elemento politico. La Fed deve mantenere la sua immagine di neutralità e non può essere vista come un favorito alle singole aziende. L’ultima cosa di cui il presidente della Fed, Jerome Powell, ha bisogno è di affrontare un plotone d’esecuzione del Congresso per la sua decisione di acquistare – o non acquistare – le obbligazioni di una società controversa o politicamente scorretta.

L’acquisto di ETF passivi per l’indice obbligazionario – e il fatto che BlackRock (BLK) gestisca l’impresa – esonera la Fed da questa situazione.

Perché questo è un male?

La ragione apparente della Fed per l’acquisto di obbligazioni societarie è stata quella di migliorare la liquidità del mercato obbligazionario. Durante la rotta di marzo, i mercati del credito si sono impossessati. La liquidità è scomparsa, e i prezzi delle obbligazioni sono scesi come una roccia.

Saltando nelle obbligazioni societarie, la Fed cerca di mantenere il mercato ordinato e funzionante. Sembra fantastico, ma ecco il problema: acquistando gli ETF obbligazionari piuttosto che le obbligazioni stesse, la Fed peggiora un problema già esistente.

Gli ETF obbligazionari creano un falso senso di liquidità“, afferma Mario Randholm di Randholm & Co., un money manager con clienti in Europa e in Sud America. “Gli ETF stessi sono estremamente liquidi e scambiano anche sulla NYSE e su altre importanti borse valori. Ma le obbligazioni che possiedono non lo sono”.

Federal Reserve FED

I fondi negoziati in borsa sono un veicolo interessante perché si possono creare e distruggere azioni come warrant a richiesta. Quando la domanda di un ETF è maggiore di quanto l’inventario attuale possa sostenere, i grandi investitori istituzionali creano nuove azioni acquistando le partecipazioni sottostanti e raggruppandole in nuove quote di creazione. Quando la domanda di ETF diminuisce, gli investitori istituzionali possono scomporre le azioni degli ETF e vendere le partecipazioni sottostanti.

Come farà la Fed a sganciare tre quarti di un triliardo di dollari in obbligazioni societarie? Come potrebbe scaricare questi ETF obbligazionari senza schiacciare i prezzi delle obbligazioni?

Nessuno lo sa, ed è proprio questo il problema. La Fed sta per diventare il più grande prestatore di obbligazioni societarie dell’America, e sbloccarlo potrebbe essere impossibile.

Cosa significa questo per le azioni?

Nei mercati dei capitali, l’aumento della marea solleva tutte le barche. La Fed sta essenzialmente liberando capitali che non avranno altro posto dove andare se non sul mercato azionario.

Questa non è una novità, naturalmente. Gli interventi della Fed e le promesse di altri interventi sono la ragione principale per cui il mercato azionario è in fiamme dalla fine di marzo.

Resta da vedere fino a che punto questa tendenza si spinge. Gli interventi della Fed sono stati uno dei principali motori del mercato dei tori 2009-2020. Alcuni direbbero che sono stati il più grande motore, in effetti.

E come regola generale, è una cattiva idea combattere la Fed. Ha un portafoglio più grande di te.