Una volta si parlava della “regola del 4%” per autofinanziarsi 20 anni di pensione, ma in teoria se si investe in un mix di azioni a dividendi, obbligazioni e anche qualche azione in crescita, il vostro denaro dovrebbe durare per un pensionamento di almeno 30 anni.

Il mondo di oggi è diverso. I tassi d’interesse e i rendimenti obbligazionari sono rimasti bloccati in cantina per troppo tempo, riducendo i rendimenti futuri attesi.

Se vi state chiedendo come andare in pensione senza dover affrontare la scomoda decisione di quali titoli vendere, o vi state chiedendo se siete a rischio di non sopravvivere grazie ai vostri risparmi, non chiedetevi più nulla. Potete contare sulla liquidità dei titoli a dividendo per finanziare una parte sostanziale del vostro pensionamento.

Molte aziende sul mercato rendono il 4% o più. E se per quel 4% all’anno vi affidate a titoli di dividendo solidi, non dovrete preoccuparvi tanto delle imprevedibili fluttuazioni del mercato. Meglio ancora, perché probabilmente non dovrete scavare così tanto nel vostro gruzzolo, avrete la possibilità di lasciare i vostri eredi con un portafoglio considerevole quando arriverà il momento.

Ecco 20 titoli a dividendo di alta qualità, con un rendimento medio superiore al 4%, che dovrebbero finanziare almeno 20 anni di pensionamento, se non di più. Hanno pagato dividendi ininterrottamente per più di 20 anni consecutivi, hanno dividendi fondamentalmente sicuri e hanno il potenziale di far crescere collettivamente i loro dividendi per proteggere il potere d’acquisto degli investitori nel tempo.

I rendimenti dei dividendi sono calcolati annualizzando l’ultimo pagamento e dividendo per il prezzo dell’azione.

20 Azioni che possono garantirvi 20 anni di pensione

Realty Income

Realty Income

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 24,2 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 3,6%

Realty Income (O, $76,10) è un investimento di reddito interessante per i pensionati perché paga i dividendi ogni mese. Il Realty Income ha pagato un dividendo ininterrotto per 590 mesi consecutivi – uno dei migliori track record di qualsiasi REIT sul mercato.

La società possiede più di 5.900 proprietà immobiliari commerciali affittate a più di 260 inquilini – tra cui Walgreens (WBA), FedEx (FDX) e Dollar General (DG) – che operano in 49 settori. Si tratta per lo più di aziende focalizzate sul commercio al dettaglio con una forte solidità finanziaria; il 49% dell’affitto di Realty Income deriva da inquilini con rating alto.

È importante notare che Realty Income si concentra su edifici commerciali con un solo affittuario affittati su base “triplice netto”. In altre parole, gli affitti sono “al netto” delle imposte, della manutenzione e dell’assicurazione, di cui sono responsabili gli inquilini. Questo, così come la natura a lungo termine dei suoi contratti di locazione, ha portato non solo a un flusso di cassa molto prevedibile, ma anche a una crescita degli utili in 22 degli ultimi 23 anni.

Mentre l’e-commerce minaccia molti rivenditori di mattoni, l’analista azionario di Morningstar Kevin Brown osserva che il 96% del portafoglio di Realty Income è “affittato ad affittuari che sono al riparo dal commercio elettronico o dalla crisi economica”.

In poche parole, la Realty Income è uno dei titoli in crescita più affidabili del mercato.

National Retail Properties

National Retail Properties

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 9,2 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 3,7%

National Retail Properties (NNN, 55,97 dollari) ha aumentato il suo dividendo per 30 anni consecutivi. In prospettiva, solo altri due REIT scambiati pubblicamente in America hanno aumentato i loro dividendi per un periodo di tempo uguale o superiore.

Questo REIT possiede circa 3.000 proprietà indipendenti che sono date in locazione a più di 400 affittuari al dettaglio – tra cui 7-Eleven, Mister Car Wash e Camping World (CWH) – che operano su più di 30 linee commerciali. Nessun settore rappresenta più del 18% del fatturato totale e le proprietà sono utilizzate principalmente da aziende resistenti al commercio elettronico, come i negozi di alimentari e i ristoranti.

Come Realty Income, National Retail è un REIT a tripla rete che beneficia di contratti di locazione a lungo termine, con termini iniziali che si estendono fino a 20 anni. L’occupazione del suo portafoglio a metà anno 2019 era del 98,8%; non è scesa al di sotto del 96% nemmeno dal 2003, a testimonianza dell’attenzione del management per le posizioni immobiliari di qualità.

Il dividendo di National Retail rimane su un terreno solido, anche con l’evoluzione del mondo del retail. L’analista patrimoniale della CFRA Chris Kuiper ha recentemente scritto che l’azienda “è più isolata dalle difficoltà dei retailer rispetto ai suoi colleghi”, dato che la maggior parte dei suoi affittuari sono “ristoranti o rivenditori concentrati sullo shopping basato sulla necessità”.

Universal Health Realty Income Trust

Universal Health Realty Income Trust

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 1,4 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 2,7%

Universal Health Realty Income Trust (UHT, $100,44) è un fondo di investimento immobiliare (REIT) che vanta 69 investimenti in proprietà sanitarie in 20 stati. Quasi tre quarti del suo portafoglio sono edifici per uffici medici e cliniche; queste strutture hanno meno dipendenti dei programmi sanitari federali e statali, riducendo il rischio. Ma UHT ha sotto il suo ombrello anche ospedali, reparti di emergenza indipendenti e centri di assistenza all’infanzia.

Il REIT è stato fondato nel 1986 e ha iniziato acquistando immobili dai Servizi Sanitari Universali (UHS), che ha poi affittato nuovamente all’UHS con contratti a lungo termine. La UHS rimane una società finanziariamente forte che oggi rappresenta circa il 20% delle entrate della Universal Health Realty Income Trust.

La società ha aumentato il suo dividendo ogni anno dalla sua fondazione. Tuttavia, a differenza di molte azioni con dividendi che aumentano i pagamenti una volta all’anno, UHT lo fa di solito due volte all’anno, anche se con un ritmo lento. L’attuale dividendo del REIT, pari a 68 centesimi per azione, è migliore dell’1,5% circa rispetto a quello del 2018. Ma finché il management continuerà a concentrarsi su aree di alta qualità dell’assistenza sanitaria che beneficeranno dell’invecchiamento della popolazione americana, il dividendo del titolo dovrebbe rimanere sicuro e in crescita.

Welltower

Welltower

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 36,1 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 3,9%

Welltower (WELL, 89,17 dollari) è un fondo di investimento immobiliare sanitario che possiede più di 1.700 proprietà. La maggior parte delle sue partecipazioni (57%) è costituita da edifici per anziani, ma il suo portafoglio comprende anche edifici medici ambulatoriali, ospedali e cure a lungo termine/post-acute.

Si tratta di un REIT gestito in modo conservativo. Oltre a detenere una serie diversificata di proprietà, Welltower mantiene un rating di credito di tipo investment-grade e ricava il 93% del suo canone di locazione da fonti private. Questo è l’ideale rispetto a dipendere dai rimborsi Medicare e Medicaid, che possono fluttuare a causa dei cambiamenti normativi.

Questa strategia disciplinata ha permesso a Welltower di pagare dividendi ininterrottamente dal 1971. Questa tendenza sembra destinata a continuare, date le prospettive a lungo termine del settore.

Toronto-Dominion Bank

TD bank

SETTORE: Finanziario

VALORE DI MERCATO: 104,5 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 3,9%

Toronto-Dominion Bank (TD, 57,45 dollari) è una delle maggiori istituzioni finanziarie del Nord America. I ricavi della banca sono bilanciati tra le semplici operazioni di prestito, come i mutui per la casa, e le attività a pagamento, come le assicurazioni, la gestione patrimoniale e i servizi di carte. A differenza della maggior parte delle grandi banche, TD mantiene una scarsa esposizione all’investment banking e al trading, che sono attività più rischiose e cicliche.

Essendo una delle 10 maggiori banche del continente, la vasta portata e la rete di sedi di vendita al dettaglio di TD le hanno fornito una base sostanziale di depositi a basso costo. Questo aiuta le operazioni di prestito della società a guadagnare uno spread sano e fornisce alla banca una maggiore flessibilità per espandere le linee di prodotti che può offrire.

Gli azionisti hanno ricevuto distribuzioni in contanti dal 1857, rendendo TD uno dei più antichi pagatori continui tra tutti i titoli di dividendo. Una cultura aziendale conservatrice e una forte valutazione del grado di investimento sono motivi per credere nella sostenibilità del dividendo in futuro. Inoltre, il management ritiene che la banca possa aumentare il proprio utile per azione rettificato (EPS) dal 7% al 10% annuo nel medio termine, il che dovrebbe aiutare TD a migliorare il proprio dividendo negli anni a venire.

Duke Energy

Duke energy

SETTORE: Utilità

VALORE DI MERCATO: 70,1 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 3,9%

Duke Energy (DUK, $96,28) è stabile come i dividendi. Infatti, il 2020 è il 94° anno consecutivo in cui l’azienda di servizi pubblici regolamentata ha pagato un dividendo in contanti sulle sue azioni ordinarie. Non sorprende che Duke compaia nella lista dei migliori titoli a prova di recessione di Simply Safe Dividends.

La società serve circa 7,7 milioni di clienti elettrici al dettaglio in sei stati del Midwest e del Sud-Est. Duke Energy distribuisce inoltre gas naturale a circa 1,6 milioni di clienti in tutta la Carolinas, Ohio, Kentucky e Tennessee. La maggior parte di queste regioni sono caratterizzate da rapporti normativi costruttivi e da una demografia relativamente solida.

La società mantiene anche un forte rating creditizio di tipo investment-grade, che sostiene il dividendo di Duke … e piani di crescita sostanziali nei prossimi anni. L’utility prevede di investire 37,5 miliardi di dollari tra il 2019 e il 2023 per espandere la sua base di reddito regolamentata per l’elettricità e il gas. Se tutto andrà come previsto, Duke dovrebbe generare dal 4% al 6% di crescita annuale dell’EPS fino al 2023, portando un simile aumento del dividendo.

Southern Company

Southern Company

SETTORE: Utilità

VALORE DI MERCATO: 64,8 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,0%.

Le utilities regolamentate sono una fonte di dividendi generosi e di crescita prevedibile grazie ai loro modelli di business resistenti alla recessione. Di conseguenza, i titoli delle utilities tendono ad ancorare molti portafogli pensionistici.

Southern Company (SO, 61,98 dollari) non fa eccezione, con un track record di pagamenti di dividendi ininterrotti dal 1948. La società di servizi serve 9 milioni di clienti di elettricità e gas principalmente nel sud-est e nell’Illinois.

Mentre negli ultimi anni Southern Company ha avuto qualche difficoltà a causa dei ritardi e degli sforamenti dei costi di alcuni dei suoi progetti per il carbone pulito e il nucleare, l’azienda rimane su un solido terreno finanziario con il peggio alle spalle.

L’analista azionario di Morningstar Charles Fishman, CFA, ritiene che Southern Company tornerà a un tasso di crescita EPS a lungo termine superiore al 5% una volta terminata la costruzione dei suoi progetti nucleari in diversi anni.

Se combinato con il payout ratio della società vicino all’80%, che è ragionevole per un’utilità regolamentata, Southern è posizionata in modo da continuare a premiare gli azionisti con dividendi generosi e in moderata crescita.

Verizon

verizon
VERIZON WIRELESS 1293 WEST 34TH STREET, NEW YORK, UNITED STATES – 2016/04/29: Verizon Workers On Strike, about 50 workers on picket-line outside Verizon Store. There are 39,000 Striking Verizon workers across the U.S. in the fight for better working conditions, and improvements in wages and benefits for Verizon Wireless retail workers. (Photo by Mark Apollo/Pacific Press/LightRocket via Getty Images)

SETTORE: Comunicazioni

VALORE DI MERCATO: 250,2 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,1%

Mentre negli ultimi anni la rivale AT&T ha diversificato in modo aggressivo il suo business in pay-TV e contenuti multimediali, Verizon (VZ, 60,51 dollari) è rimasta concentrata sul suo core business wireless. Infatti, l’azienda si è addirittura ristrutturata l’anno scorso per concentrarsi meglio sul lancio del servizio 5G.

Grazie ai suoi investimenti nella qualità della rete, l’azienda rimane in cima alla classifica di RootMetrics per quanto riguarda l’affidabilità, la velocità e le prestazioni di rete wireless. Queste qualità hanno portato a una massiccia base di abbonati che, combinata con la natura non discrezionale dei servizi di Verizon, fanno dell’azienda un’affidabile vacca da latte.

Infatti, Verizon e i suoi predecessori hanno pagato dividendi ininterrottamente per oltre 30 anni. Il suo tasso di crescita dei dividendi, come quello di AT&T, non è certo impressionante – VZ ha annunciato quest’anno un incremento di appena il 2%. Ma il rendimento è elevato tra i titoli a dividendo blue-chip, e la natura quasi utilitaria del suo business dovrebbe permettere a Verizon di abbuffarsi lentamente insieme ad aumenti simili in futuro.

Dominion Energy

dominon energy

SETTORE: Utilità

VALORE DI MERCATO: 64,9 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,5%

Dominion Energy (D, 80,84 dollari) è uno dei maggiori produttori e trasportatori di energia del paese e ha pagato dividendi ininterrottamente per oltre otto decenni. Tuttavia, l’utilità diversificata ha subito alcuni significativi cambiamenti negli ultimi anni.

Dal 2010, Dominion “si è concentrata sullo sviluppo di nuovi progetti ad ampio raggio con strategie conservative, ha abbandonato il business dell’esplorazione e della produzione, ha venduto o ritirato impianti di energia commerciale senza fossato e ha fatto investimenti significativi in infrastrutture per le utility moaty”, scrive l’analista azionario di Morningstar Charles Fishman.

In altre parole, il business è diventato ancora più resistente. Infatti, Fishman stima che le attività di nonutility e di trasmissione su larga scala rappresentino il 45% dei profitti operativi di Dominion, in aumento rispetto al 30% del 2016.

Dominion Energy vanta anche un rating creditizio di tipo investment-grade, che le fornisce la flessibilità finanziaria per perseguire progetti di crescita opportunistica. Tale flessibilità ha permesso a Dominion di chiudere nel gennaio 2019 l’acquisizione di Scana, una società di servizi pubblici regolamentata in difficoltà che operava nella Carolina e in Georgia.

Il dividendo dell’azienda dovrebbe rimanere sicuro e in crescita grazie alla solida base di attività regolamentate e al team di gestione disciplinato di Dominion. Anche la sua crescita è cresciuta a ritmo serrato negli ultimi tempi, con un aumento di quasi il 10% a partire dal payout distribuito nel marzo 2019.

W.P. Carey

w.p. carey

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 15,4 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,6%

W.P. Carey (WPC, $89,88) è un grande e ben diversificato REIT con un portafoglio di “immobili commerciali di importanza operativa”, come lo descrive la società. Più specificamente, W.P. Carey possiede quasi 1.200 proprietà industriali, magazzini, uffici e negozi.

Le proprietà della società sono date in locazione a 320 inquilini con contratti a lungo termine, con il 99% dei contratti di locazione che prevedono aumenti degli affitti contrattuali. Anche le attività di W.P. Carey sono ben diversificate: circa un terzo delle sue entrate sono generate al di fuori degli Stati Uniti, i suoi 10 principali inquilini rappresentano meno del 25% dell’affitto e la sua maggiore esposizione nel settore è pari a circa il 20% delle sue entrate.

I REIT, in quanto settore, sono tra i titoli con il dividendo più alto rendimento sul mercato, data una struttura che impone letteralmente di versare il 90% dei profitti sotto forma di distribuzioni in contanti agli azionisti. Ma W.P. Carey e il suo 4,6% di rendimento spiccano. Meglio ancora, grazie alle sue qualità di cui sopra, nonché alla sua forte gestione creditizia e conservatrice, WPC ha pagato ogni anno dividendi più elevati da quando è diventata pubblica nel 1998. Non dovrebbe avere difficoltà a proseguire questa tendenza per il prossimo futuro.

Ennis

ennis

SETTORE: Industriali

VALORE DI MERCATO: 503,4 milioni di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,7%

Ennis (EBF, 19,28 dollari) è un titolo meravigliosamente noioso, che vende prodotti e forme di business come etichette, cartellini, buste e cartelle di presentazione. L’azienda, fondata nel 1909, è cresciuta attraverso acquisizioni per servire oggi più di 40.000 distributori.

Mentre il mondo sta diventando sempre più digitale, Ennis si è ritagliata una bella nicchia, poiché il 95% dei prodotti aziendali che produce sono realizzati su misura in base alle specifiche uniche del cliente per dimensioni, colore, parti e quantità. Anche questo è un business diversificato, con nessun cliente che rappresenti più del 5% delle vendite dell’intera azienda.

Ennis è una vacca da latte che ha pagato dividendi ininterrottamente per oltre 20 anni. Mentre il payout dell’azienda è rimasto invariato per anni e anni nel corso della storia, il management ha iniziato a restituire il capitale agli azionisti in modo più aggressivo, includendo aumenti di dividendi a due cifre nel 2017 e nel 2018.

Ennis ha annunciato per l’ultima volta un aumento dei dividendi del 12,5% nel giugno 2018, che riflette la sua solida salute finanziaria. Infatti, Ennis detiene più liquidità che debito. Nel frattempo, il suo payout ratio del 62%, sebbene un po’ elevato, lascia ancora abbastanza spazio per modesti aumenti dei dividendi in futuro, se dovesse scegliere.

Ennis non sarà mai un’azienda in rapida crescita. Ma se siete alla ricerca di un rendimento elevato dai vostri titoli di dividendo, l’EBF si aggira ben oltre il 4%. E l’azienda dovrebbe avere l’opportunità di continuare a svolgere un ruolo di consolidatore nel suo mercato.

Urstadt Biddle Properties

Urstadt Biddle Properties

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 932,6 milioni di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,7%

Urstadt Biddle Properties (UBA, $23,40) è un REIT a piccola capitalizzazione con una storia di pagamenti impressionante. In particolare, lo stock di dividendi ha fornito dividendi ininterrotti per quasi 50 anni, aumentando il suo payout in ciascuno degli ultimi 25 anni.

Urstadt possiede 85 proprietà, per lo più situate lungo la costa orientale. Circa l’82% della superficie quadrata del REIT si concentra su supermercati, farmacie e club all’ingrosso che fungono da punti di ancoraggio per i centri commerciali. Queste industrie sono più resistenti all’e-commerce data la loro attenzione ai prodotti essenziali come il cibo.

Nonostante questi punti di forza, Urstadt ha storicamente fornito solo un ritmo di crescita dei dividendi a una sola cifra all’anno. Questo potrebbe non far girare la testa a molti, ma il rendimento è ancora sostanzialmente al di sopra della media REIT.

Secondo il management, UBA mantiene un bilancio solido e si accontenta di acquistare “proprietà più piccole che, a causa delle loro dimensioni, sono al di sotto dei limiti per i grandi investitori”. Queste caratteristiche dovrebbero continuare a servire bene gli investitori di reddito anche in pensione.

Oneok

Oneok

SETTORE: Energia

VALORE DI MERCATO: 30,6 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,8%

Oneok (OKE, 74,14 dollari) è un importante fornitore di servizi midstream, i cui gasdotti, impianti di trattamento e attività di stoccaggio collegano la fornitura di gas naturale liquido (NGL) con i principali hub di mercato. Vanta uno dei più grandi sistemi NGL del Paese, ed è in attività dal 1906.

Oneok vanta che il suo modello di business “‘fee-for-service’ beneficia della crescente produzione di materie prime degli Stati Uniti”. Ma è anche ottimo per la stabilità. Circa l’85% dei guadagni di Oneok sono oggi generati da attività a pagamento – in aumento rispetto al 66% del 2014 – il che riduce al minimo la sua esposizione diretta alla volatilità dei prezzi delle materie prime.

L’azienda mantiene anche un rating di credito di tipo investment-grade e punta a un indice di copertura dei dividendi superiore a 1,2 volte i guadagni, il che è abbastanza prudente per questo tipo di business.

Con l’espansione della base infrastrutturale di Oneok nei prossimi anni per capitalizzare la crescente produzione energetica nordamericana, la società ritiene di poter premiare gli azionisti con una crescita dei dividendi del 9% annuo fino al 2021. Questo sarebbe facilmente finanziabile se OKE raggiungesse gli obiettivi interni di una crescita annua del 14,7% dell’EPS in quel periodo di tempo.

In parole povere, Oneok sembra offrire una miscela attraente di reddito, crescita e stabilità che molti titoli di dividendo nel settore dell’energia non offrono.

Monmouth Real Estate Investment Corporation

Monmouth Real Estate Investment Corporation

SETTORE: Immobiliare

VALORE DI MERCATO: 1,4 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,8%

Monmouth Real Estate Investment Corporation (MNR, 14,26 dollari) è un REIT di proprietà industriale fondato nel 1968. La società affitta le sue oltre 100 proprietà industriali con contratti di locazione a lungo termine ad affittuari per lo più di tipo investment-grade (~80% delle entrate di Monmouth). Tra gli affittuari di Monmouth vi sono Ulta Beauty (ULTA), Best Buy (BBY) e Coca-Cola (KO).

Le proprietà di Monmouth sono relativamente nuove, con un’età media ponderata di costruzione di poco più di nove anni. Le sue proprietà immobiliari sono inoltre situate principalmente vicino ad aeroporti, centri di trasporto e impianti di produzione che sono fondamentali per le attività dei suoi inquilini.

Il risultato è un modello di business ricco di liquidità che ha pagato dividendi ininterrottamente per 27 anni consecutivi. L’ultima volta che il management ha aumentato il suo dividendo del 6,25% nell’ottobre 2017, è stato un po’ incoerente su questo fronte, con solo due aumenti negli ultimi cinque anni. Tuttavia, il REIT presenta un buon tasso di occupazione del portafoglio del 98,9% e una crescita dei fondi provenienti dalla gestione (FFO, un importante parametro di redditività per i fondi di investimento immobiliare). Pertanto, gli azionisti potrebbero essere interessati a una maggiore crescita del reddito lungo la strada.

Exxon Mobil

exxon

SETTORE: Energia

VALORE DI MERCATO: 301,0 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,9%

Exxon Mobil (XOM, 71,14 dollari) fa parte del gruppo d’elite dei Dividend Aristocrats – il gruppo d’elite di 57 azioni a dividendo che hanno aumentato il loro payout su base annua per almeno 25 anni – grazie al merito della propria serie di escursioni di 37 anni. Ma questa non è la sua unica impresa impressionante in materia di dividendi. Da oltre 100 anni la major del settore petrolifero integrato distribuisce regolarmente dividendi in contanti agli investitori.

Nonostante la natura volatile del settore energetico, l’allocazione disciplinata del capitale di Exxon, l’uso prudente del debito e la focalizzazione su unità di business complementari hanno reso il titolo una fonte di reddito molto affidabile nel corso degli anni.

Mentre il crollo del prezzo del petrolio del 2014-15 ha costretto molti colleghi della Exxon a ridurre le spese e a restituire più denaro agli azionisti negli ultimi anni, la XOM sta perseguendo un piano di crescita piuttosto ambizioso.

In particolare, nel 2018 la società ha presentato una strategia che vedrà Exxon spendere circa 200 miliardi di dollari tra il 2018 e il 2025 per aumentare in modo significativo la sua produzione a monte e la produzione chimica, migliorando al contempo i rendimenti del capitale investito in ciascuno dei suoi segmenti di business. Secondo questo piano, i guadagni della società potrebbero più che raddoppiare entro il 2025 – e durante l’incontro annuale degli investitori di Exxon nel maggio 2019, il CEO Darren Woods ha dichiarato che questi piani sono ancora in corso.

È importante sottolineare che Exxon si aspetta di poter ancora generare una crescita significativa del flusso di cassa, anche se i prezzi del petrolio sono molto più bassi. Secondo la presentazione dell’Investor Day, il flusso di cassa crescerebbe del 55% tra il 2017 e il 2025 anche se il petrolio affondasse a 40 dollari al barile e rimanesse a 40 dollari al barile. (I prezzi attuali sono superiori a 56 dollari al barile).

Se il successo – e il management merita il beneficio del dubbio – gli azionisti XOM dovrebbero continuare a godere di un dividendo in costante aumento, compreso l’aumento del 6,1% del payout Exxon annunciato all’inizio di quest’anno.

Pembina Pipeline

pembina pipeline

SETTORE: Energia

VALORE DI MERCATO: 19,0 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 4,9%

Pembina Pipeline (PBA, 37,23 dollari) ha iniziato a pagare i dividendi dopo essere stata quotata in borsa nel 1997 e da allora ha mantenuto ininterrotti i pagamenti. Il gestore dell’oleodotto trasporta petrolio, gas naturale e liquidi di gas naturale principalmente attraverso il Canada occidentale.

I mercati dell’energia sono notoriamente volatili, ma Pembina è riuscita a fornire pagamenti così costanti grazie al suo modello di business, che è sostenuto da contratti a lungo termine a pagamento.

Infatti, il management ha l’obiettivo di generare l’80% dell’EBITDA di Pembina (utile prima di interessi, imposte, ammortamenti e svalutazioni) dalle attività a pagamento nel 2019. Si prevede che il dividendo dell’azienda rimarrà più che coperto dal flusso di cassa distribuibile a pagamento (DCF, un importante indicatore di cassa per le società di pipeline), garantendo un buon margine di sicurezza. A titolo di confronto, il suo payout ha rappresentato il 135% del DCF nel 2015; si prevede che quest’anno sarà solo il 78%).

Il dividendo è ulteriormente protetto dal rating creditizio di Pembina, che si concentra sulla generazione di almeno il 75% del suo flusso di cassa da controparti investment-grade, e dal profilo di crescita organica autofinanziata.

AT&T

at&t

SETTORE: Comunicazioni

VALORE DI MERCATO: 273,1 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 5,5%.

AT&T (T, $37,38) è un aristocratico dei dividendi che ha pagato dividendi più alti per 35 anni consecutivi, la società ha subito alcuni cambiamenti piuttosto drammatici negli ultimi anni. Dall’acquisizione di DirecTV alla fusione con Time Warner, AT&T si è trasformata in un vero e proprio conglomerato mediatico con oltre 370 milioni di relazioni dirette con i consumatori attraverso wireless, internet e video.

AT&T sta unendo le sue risorse uniche per aumentare il valore delle sue relazioni con i clienti e sviluppare un’attività pubblicitaria considerevole. Ci vorranno anni per valutare il successo delle mosse scacchistiche del management, che hanno aumentato significativamente il carico di debito dell’azienda, ma il dividendo sembra rimanere su un terreno ragionevolmente solido.

Infatti, il management si aspetta che il free cash flow dell’azienda (FCF, gli utili in contanti che un’azienda genera dopo aver effettuato le necessarie spese in conto capitale) sia inferiore al 60% nel 2019, inclusi tutti i costi di integrazione di Time Warner. AT&T prevede che il bilancio si normalizzerà entro la fine dell’anno 2022. “Mi aspetterei che (la leva finanziaria) si aggiri intorno al range 2.0 o inferiore”, ha detto il CFO John Stephens durante la conference call sugli utili del secondo trimestre.

Mentre il ritmo di crescita dei dividendi di AT&T rimarrà moderato durante questo periodo, il suo alto rendimento fornirà agli investitori di reddito un buon compenso agli investitori, mentre l’azienda digerisce i suoi recenti affari e lavora all’evoluzione per il futuro.

Universal Corporation

Universal corporation

SETTORE: Graffe per i consumatori

VALORE DI MERCATO: 1,3 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 5,7%

Universal Corp. (UVV, 53,74 dollari) si è concentrata sulla fornitura di foglie di tabacco ai produttori di prodotti del tabacco sin dalla sua fondazione nel 1918. E anche se non fa parte della cricca aristocratica dei dividendi, è solo perché la UVV non fa parte dell’S&P 500. Ha certamente la longevità – ha pagato dividendi crescenti senza interruzioni per 48 anni.

Universal è il fornitore dominante del tabacco flue-cured e burley che viene coltivato al di fuori della Cina. UVV gestisce tra il 30% e il 40% della produzione annuale dell’Africa, tra il 30% e il 40% della produzione statunitense e tra il 15% e il 25% di quella brasiliana.

Pertanto, i produttori di prodotti del tabacco non hanno altra scelta se non quella di lavorare con Universal, fornendo un flusso costante di domanda. Sono necessari pochi capitali per mantenere anche il core business dell’UVV, con conseguente generazione costante di FCF.

Tuttavia, Universal non è cieca nei confronti della salute e dei movimenti legislativi in tutto il mondo. Infatti, dice che il consumo mondiale di sigarette “ha raggiunto il suo picco diversi anni fa” e si aspetta che il consumo mondiale di sigarette diminuisca lentamente. Invece di stare ferma, l’azienda sta indirizzando parte del suo flusso di cassa verso le attività adiacenti, come i prodotti agricoli che richiedono una lavorazione specializzata. Il management ritiene che queste opportunità potrebbero rappresentare fino al 20% dei guadagni di Universal in cinque anni.

Le aziende del settore del tabacco stanno lentamente perdendo la loro reputazione in quanto non possono perdere i dividendi, data la regolamentazione e la contrazione dell’attività. Tuttavia, con un rating di credito di grado d’investimento e un ragionevole rapporto di payout, Universal sembra avere la flessibilità finanziaria necessaria per adattare lentamente il suo modello di business nel corso del tempo, pur continuando il suo impressionante record di crescita dei dividendi.

Enterprise Products Partners LP

Enterprise Products Partners LP

SETTORE: Energia

VALORE DI MERCATO: 63,2 miliardi di dollari

RENDIMENTO DELLA DISTRIBUZIONE: 6,1%

Enterprise Products Partners LP (EPD, 28,89 dollari), una master limited partnership (MLP), è una delle più grandi aziende americane nel settore dell’energia midstream. Possiede e gestisce oltre 50.000 miglia di condotte, oltre a strutture di stoccaggio, impianti di lavorazione e terminali di esportazione in tutta l’America.

Questa MLP è collegata a tutti i principali bacini di scisto e a molte raffinerie, aiutando a spostare i liquidi di gas naturale, il petrolio greggio e il gas naturale dal luogo in cui sono prodotti dalle società upstream a quello in cui sono richiesti.

Circa l’85% del margine operativo lordo di Enterprise deriva da attività a pagamento, riducendo la sua sensibilità alla volatilità dei prezzi dell’energia. L’azienda vanta inoltre uno dei rating di credito più elevati del settore per quanto riguarda il grado di investimento e mantiene un payout ratio prudente. Il suo DCF per la prima metà del 2019 è stato pari al 170% di quanto necessario per coprire la sua distribuzione.

Anche questa distribuzione continua a gonfiarsi. L’impresa non solo ha pagato distribuzioni più alte ogni anno da quando ha iniziato ad effettuare distribuzioni nel 1998, ma aumenta tali rimborsi su base trimestrale, non solo una volta all’anno.

Il futuro dell’azienda appare luminoso grazie ai suoi “asset strategicamente localizzati, ai diversi flussi di cassa e al potenziale di crescita organica, in particolare per quanto riguarda i mercati di esportazione della Gulf Coast”, scrive l’analista azionario della CFRA Stewart Glickman.

Gli investitori possono saperne di più da Simply Safe Dividends su come valutare i MLP qui.

Enbridge

Enbridge

SETTORE: Energia

VALORE DI MERCATO: 71,6 miliardi di dollari

RAPPORTO DIVIDENDO-PREZZO: 6,2%

L’Enbridge del Canada (ENB, 35,37 dollari) offre una combinazione di rendimento molto elevato e di crescita che raramente si vede nella maggior parte dei titoli a dividendo – e dovrebbe continuare a farlo almeno per i prossimi anni.

Enbridge possiede una rete di mezzi di trasporto e di stoccaggio che collega alcune delle più importanti regioni del Nord America produttrici di petrolio e di gas. Con la crescita della produzione di energia del continente negli anni a venire – grazie soprattutto ai progressi nella perforazione a basso costo di scisti – anche la domanda dovrebbe aumentare per molte delle capacità di Enbridge incentrate sulle condutture.

Detto questo, il dividendo offre agli azionisti un’abbondanza di ammortizzatori; il rendimento delle azioni energetiche a metà flusso è al di sotto del 6%. Dovrebbe diventare ancora più grande. L’analista azionario senior di Morningstar Joe Gemino scrive che Enbridge “intende aumentare il suo dividendo annuale al 10% nel 2020 e ha mantenuto un rapporto di copertura di cassa distribuibile medio triennale di circa 1,7 volte il dividendo degli ultimi tre anni”.